Pancreatite: sintomi di infiammazione pancreatica e misure di trattamento

Di norma, il più delle volte ci preoccupiamo della salute del cuore e dei vasi sanguigni, meno spesso: il fegato oi reni, quasi senza ricordare il pancreas. Nel frattempo, questo organo è vitale per il normale funzionamento del corpo. È lì che avviene la sintesi dell'insulina, un ormone che regola quasi tutti i processi biochimici all'interno della cellula. Ed è il pancreas che produce enzimi digestivi che assicurano il normale corso dei processi di digestione degli alimenti e assorbimento dei nutrienti. In effetti, contrariamente alle credenze ordinarie, la fase principale della digestione non avviene nello stomaco, ma nell'intestino tenue, dove entra il succo pancreatico..

Pancreatite: cos'è questa malattia e quali sono le sue manifestazioni?

L'infiammazione del pancreas è chiamata pancreatite. Le sue manifestazioni sono abbastanza tipiche: dolore molto forte e acuto nella parte superiore dell'addome, che si irradia alla schiena o circonda il tronco e non può essere alleviato dagli analgesici convenzionali. Un'altra lamentela caratteristica è il vomito abbondante e ripetuto, che non può essere fermato a casa con gli antiemetici convenzionali. Inoltre, durante l'esame, il medico rileva la tensione dei muscoli dell'addome superiore..

Questi segni - la classica triade dei sintomi - sono caratteristici sia della pancreatite acuta che dell'esacerbazione della pancreatite cronica..

Ma in un processo cronico, cioè con un'infiammazione che dura per molti mesi e anni, oltre al dolore, compaiono segni di insufficienza pancreatica esocrina (mancanza di enzimi digestivi), tra questi:

  • gonfiore, brontolio, dolore addominale;
  • urgenza improvvisa e pronunciata di defecare;
  • abbondanti feci grasse fetide che galleggiano sulla superficie dell'acqua;
  • perdita di peso, nei bambini - crescita e ritardi nello sviluppo.

Queste manifestazioni sorgono a causa del fatto che gli alimenti non completamente digeriti non entrano nel flusso sanguigno per fornire nutrienti all'organismo, ma rimangono nel lume intestinale e lo irritano.

Infiammazione del pancreas: cause

Qualunque sia l'infiammazione del pancreas - acuta o cronica, dal punto di vista delle statistiche mediche, la sua causa principale è un eccesso di alcol. Un uso eccessivo provoca fino al 55% di pancreatite acuta [1] e fino all'80% di pancreatite cronica [2].

Altre possibili cause di pancreatite acuta:

  • Malattie delle vie biliari (35%). Con l'aumentare della pressione nei dotti biliari, il loro contenuto inizia a essere gettato nei dotti vicini (e dotati di una presa) del pancreas. La bile danneggia i tessuti che normalmente non dovrebbero entrare in contatto con essa, provocando infiammazione.
  • Trauma al pancreas (4%). Può essere sia domestico (percosse, incidenti stradali, ecc.), Sia causato dalle azioni dei medici durante un'operazione o test diagnostici.
  • Altri motivi (6%): virus (epatite, parotite, citomegalovirus), tumori e altre malattie degli organi vicini, assunzione di determinati farmaci (ormoni, alcuni antibiotici, diuretici e citostatici), reazioni allergiche (shock anafilattico), processi autoimmuni.

Le cause della pancreatite cronica non sono troppo diverse dalle cause della pancreatite acuta. L'alcol è anche al primo posto qui, al secondo posto - malattie delle vie biliari. Inoltre, in ordine decrescente di frequenza, segui:

  • pancreatite medicinale;
  • pancreatite idiopatica (condizioni in cui la causa dell'infiammazione non può essere identificata);
  • pancreatite di natura autoimmune;
  • infiammazione causata da disturbi metabolici (con fibrosi cistica, rottura delle ghiandole paratiroidi, alterato metabolismo dell'emoglobina, dislipidemia);
  • intossicazione, compresi i propri prodotti metabolici in caso di insufficienza renale (uremia);
  • pancreatite alimentare (causata da carenza di proteine ​​e eccesso di grasso nella dieta);
  • infezioni;
  • collagenosi sistemica (lupus eritematoso);
  • insufficiente apporto di sangue (aterosclerosi);
  • trauma;
  • restringimento del dotto, sia congenito che acquisito (compressione da parte di un tumore);
  • fumare.

Separatamente, esiste una tale causa di pancreatite cronica come una mutazione genetica ereditaria che codifica per la sintesi dell'enzima digestivo tripsina. Queste pancreatiti di solito iniziano in età abbastanza giovane e senza una ragione apparente..

Conseguenze pericolose della pancreatite

La complicanza più pericolosa della pancreatite acuta è la necrosi pancreatica. Questa è una condizione in cui gli enzimi digestivi, invece di essere escreti attraverso i dotti nella cavità intestinale, dalle cellule distrutte dall'infiammazione vanno direttamente ai tessuti del pancreas, di fatto digerendo l'organo stesso. Questa è una delle principali cause di morte nella pancreatite acuta..

Ma anche se questo pericolo può essere evitato, la malattia non scompare senza conseguenze..

Qualsiasi infiammazione, non importa se acuta o cronica, interrompe il normale funzionamento dell'organo. Se parliamo del lavoro del pancreas, prima di tutto la sua funzione esocrina diminuisce. Ciò significa che vengono prodotti troppo pochi enzimi per la normale digestione, l'assorbimento dei nutrienti è compromesso, di cui soffre l'intero corpo. Si osserva perdita di peso. Ci sono segni di carenza di vitamine (principalmente liposolubili A, D, K), che possono manifestarsi come ossa fragili, pelle e capelli secchi e sanguinamento. La carenza di ferro porta all'anemia. Una diminuzione della concentrazione di grassi nel corpo interrompe la normale sintesi degli ormoni sessuali (i grassi sono l'unica fonte da cui vengono prodotti). La libido è compromessa, la natura dei peli del corpo cambia. La carenza di proteine ​​porta a deperimento muscolare ed edema.

Oltre agli enzimi, il pancreas sintetizza anche i bicarbonati, sostanze che alcalinizzano il contenuto acido proveniente dallo stomaco. Quando il loro numero diminuisce, non si forma un ambiente alcalino per il grumo di cibo e danneggia la mucosa del duodeno. Per questo motivo compaiono ulcere..

Se il processo infiammatorio dura a lungo e la maggior parte delle cellule del pancreas che producono insulina muore, si sviluppa il diabete mellito. Questo accade nella pancreatite cronica in circa il 10% dei casi [3].

Poiché il tessuto infiammato si gonfia sempre, può comprimere il dotto escretore della cistifellea, che attraversa la testa del pancreas. Se il gonfiore è così forte da interrompere il normale deflusso della bile, può iniziare l'ittero (fino al 3% dei casi).

Inoltre, è stato dimostrato [4] che esiste un collegamento diretto tra l'infiammazione cronica del pancreas e la sua trasformazione maligna..

Diagnosi di infiammazione del pancreas

Quando diagnostica l'infiammazione acuta del pancreas, il medico presta attenzione ai disturbi caratteristici del paziente. Durante un esame del sangue, vengono rilevati cambiamenti infiammatori (aumento della VES e dei leucociti) e si osserva un'attività degli enzimi più di tre volte maggiore (amilasi o lipasi del sangue). L'esame ecografico aiuta a determinare i cambiamenti nell'organo stesso, ma la risonanza magnetica o la tomografia computerizzata (se questi due tipi di studi sono disponibili) sono più affidabili. In caso di dubbio (e se è disponibile l'attrezzatura appropriata), il medico può prescrivere una laparoscopia.

Per diagnosticare la pancreatite cronica, di solito viene eseguito quanto segue:

  • Analisi del sangue. Con il loro aiuto, vengono determinati segni di infiammazione, aumento dell'attività dell'amilasi, disproteinemia, caratterizzata da un rapporto alterato di proteine ​​nel plasma sanguigno o ipoproteinemia, che indica una diminuzione generale del contenuto proteico nel sangue.
  • L'analisi delle feci è generale. Con una colorazione speciale al microscopio, i grassi non digeriti sono visibili e, se la situazione è già trascurata, le fibre muscolari non digerite.
  • Analisi delle feci per l'attività enzimatica, molto spesso questa è la determinazione dell'attività dell'elastasi pancreatica-1 nelle feci. Nella pancreatite cronica, è ridotto.
  • Intubazione duodenale con analisi del contenuto (eseguita se possibile). Il processo è il seguente: il paziente ingoia una sonda speciale, che raggiunge il duodeno; poi gli viene iniettato un medicinale che stimola la produzione di secrezioni pancreatiche; i campioni ottenuti vengono esaminati per l'attività degli enzimi tripsina, lipasi e il contenuto di bicarbonati - un substrato alcalino necessario per il normale funzionamento degli enzimi digestivi.
  • L'esame ecografico del pancreas (anche tomografia computerizzata o risonanza magnetica) - consente di valutare direttamente la struttura e la struttura dell'organo.

Inoltre, una diminuzione della gravità della digestione disturbata dopo diversi giorni di assunzione di enzimi pancreatici può essere considerata un segno indiretto dello sviluppo della pancreatite..

Misure di trattamento per la pancreatite

La pancreatite è una patologia pericolosa per la vita, quindi solo un medico dovrebbe prescrivere un trattamento.

Se parliamo di pancreatite acuta, il paziente deve essere ricoverato in un ospedale chirurgico. Per i primi tre giorni, è necessario osservare la fame: fino al fatto che l'intero contenuto dello stomaco viene rimosso da una sonda. Viene applicato un impacco di ghiaccio sull'addome e viene prescritto il riposo a letto. Questa formula classica è chiamata "freddo, fame e riposo" e con essa il trattamento inizia sia con la pancreatite acuta che con le esacerbazioni della pancreatite cronica.

Naturalmente, nel primo caso, tali misure non sono limitate. Per ridurre il dolore e ripristinare il normale deflusso del succo pancreatico, vengono prescritti antispastici. Poiché il dolore può essere molto grave, a volte si fa riferimento agli analgesici narcotici. Per ridurre l'attività del pancreas, vengono prescritti antagonisti della somatotropina, ad esempio octreotide o lanreotide, con sanguinamento concomitante - somatostatina o terlipressina.

A seconda delle condizioni del paziente, ricorrono a un trattamento sintomatico, che consente di correggere alcuni cambiamenti nel suo corpo. Può nominare:

  • farmaci che normalizzano la pressione sanguigna;
  • fondi che supportano il normale funzionamento del cuore;
  • antibiotici per infiammazione purulenta, ecc..

Per rimuovere i prodotti tossici dell'infiammazione dal sangue, usano la terapia per infusione (i cosiddetti contagocce). Se si sviluppa necrosi pancreatica, il paziente viene operato, rimuovendo le zone morte del pancreas.

In caso di esacerbazione della pancreatite cronica, come già accennato, nei primi tre giorni, è consigliato anche il regime "freddo, fame e riposo". Dopo questo periodo, se la condizione lo consente, puoi iniziare a mangiare. All'inizio: porridge ben bollito, gelatina, purè. Gradualmente consentito di passare al cibo solido.

La dieta dovrebbe contenere molte proteine, preferibilmente latticini o soia. Si raccomanda di limitare il consumo di prodotti con grassi animali refrattari (con carne di maiale, agnello), ma non sono vietati i grassi vegetali e del latte. Inoltre, non è desiderabile scegliere latticini a basso contenuto di grassi. Non solo sono consentiti, ma anche consigliati (soggetto all'uso di enzimi e alla normale tolleranza di tali alimenti) dolci grassi, burro di arachidi e altri prodotti di questo tipo. L'alcol è severamente proibito. Non puoi mangiare acido, fritto, affumicato, salato a stomaco vuoto o iniziare un pasto con brodi grassi ricchi di estratti.

Nel frattempo, non è necessaria solo la dieta, ma anche i farmaci. Per alleviare il dolore, si consiglia di assumere analgesici e antispastici. Gli enzimi pancreatici hanno anche un effetto analgesico: forniscono riposo all'organo colpito [5] durante un pasto. I preparati enzimatici sono prescritti su base continuativa per l'insufficienza pancreatica esocrina. Ripristinano la normale digestione, consentendo l'assorbimento di tutti i nutrienti essenziali. E per mantenere il loro effetto e ripristinare un ambiente normale nel duodeno, vengono prescritti bloccanti H2 o inibitori della pompa protonica, che riducono l'acidità del succo gastrico..

Preparato enzimatico pancreatico

I preparati contenenti enzimi pancreatici esistono da molto tempo. Ma grazie alla loro forma moderna, e queste sono microsfere, o microgranuli, fino a 2 mm di diametro, è possibile la massima efficacia di questi farmaci.

Micrazim ® [6] - un prodotto contenente lipasi, proteasi e amilasi del pancreas di origine animale, nonché enzimi che digeriscono rispettivamente grassi, proteine ​​e carboidrati. Gli enzimi sono racchiusi in microperle con una membrana resistente agli acidi, che li protegge dall'inattivazione nello stomaco. A loro volta, i microgranuli vengono "confezionati" in capsule contenenti 10.000 U o 25.000 U di enzimi attivi.

Una volta nello stomaco, la capsula di gelatina si dissolve. Sotto l'influenza dei movimenti peristaltici, i microgranuli vengono miscelati uniformemente con il cibo ed entrano gradualmente nel lume intestinale. In un ambiente alcalino all'interno del duodeno, la loro membrana si dissolve e gli enzimi iniziano a "lavorare". L'attività massima degli enzimi si nota entro 30 minuti dopo aver mangiato.

È necessario assumere Micrasim® ad ogni pasto - ad eccezione degli snack che non contengono grassi (insalata di verdure senza condimento, succo di frutta, tè con zucchero senza latte, ecc.). Di solito, una capsula è sufficiente con un pasto, poiché contiene una quantità sufficiente di enzimi che contribuiscono alla normalizzazione della digestione. Se è difficile ingoiare una capsula, puoi aprirla, ma in nessun caso dovresti masticare o macinare in qualche modo i microgranuli: per questo il guscio protettivo collasserà e gli enzimi perderanno la loro attività.

L'indicazione principale per l'uso delle capsule Micrasim ® è la pancreatite cronica senza esacerbazione. Inoltre, l'agente viene utilizzato per l'insufficienza pancreatica esocrina di qualsiasi origine: a causa di fibrosi cistica, dopo interventi sul pancreas, dopo resezione dello stomaco o dell'intestino tenue. Le persone sane possono utilizzare Micrasim ® per ridurre lo stress sul pancreas causato dall'eccesso di cibo, soprattutto quando si mangiano cibi grassi.

Micrasim® è controindicato nella pancreatite acuta e nell'esacerbazione della pancreatite cronica, nonché in caso di intolleranza individuale.

Il farmaco è incluso nell'elenco VED, disponibile senza prescrizione medica.

* Numero del certificato di registrazione nel registro statale dei medicinali - LS-000995 del 18 ottobre 2011.

Cos'è un pancreas atrofico?

I cambiamenti atrofici nel pancreas si verificano sullo sfondo della pancreatite cronica. L'atrofia è accompagnata dall'insorgenza di un processo patologico nei tessuti della mucosa, che vengono gradualmente sostituiti da componenti di collegamento inerti.

  • 1 Il concetto di cambiamenti atrofici nelle ghiandole
  • 2 motivi
  • 3 sintomi
  • 4 Diagnostica
  • 5 Trattamento
  • 6 Prevenzione

Il concetto di cambiamenti atrofici nelle ghiandole

Come risultato della pancreatite atrofica, c'è una sostituzione completa o parziale dei siti attivi nel pancreas con quelli inerti. L'atrofia del pancreas porta ad una riduzione del volume della mucosa con compattazione della membrana. Un segno caratteristico dell'inizio del processo è il fallimento funzionale:

  • con disturbi esocrini, la sintesi di enzimi digestivi e bicarbonati viene interrotta;
  • con patologia intrasecretoria, la sintesi dell'insulina con glucagone rallenta.

Il processo può essere avviato a causa delle peculiarità dello sviluppo fisiologico, sullo sfondo di malattie debilitanti, compressione del tumore, danni alla massa di riempimento (parenchima), interruzione del sistema di afflusso di sangue dei plessi vascolari dell'organo.

La massa totale della ghiandola raggiunge normalmente i 90 g. Se la mucosa è atrofica, la sua massa diminuisce drasticamente fino a 30 g..

I cambiamenti strutturali nel pancreas sono caratterizzati dalla formazione di tessuto connettivo in eccesso. Questo materiale inerte prolifera intorno ai lobuli dell'organo, suggerendo la sclerosi perilobulare. Se il processo procede in modo diffuso, viene diagnosticata la sclerosi intralobulare. La subatrofia può essere di diversi tipi, ad esempio, con la lipomatosi, parte del parenchima viene convertita in masse grasse.

Le ragioni

  1. I cambiamenti fisiologici si verificano con l'invecchiamento del corpo con la distruzione naturale dei tessuti ghiandolari. Nelle forme gravi di esaurimento, si osserva lo stadio cachettico.
  2. Pancreatite cronica complicata, quando le cellule fibrose sostituiscono parte dello stroma, l'insufficienza funzionale generale degli organi progredisce.
  3. Diabete mellito complicato, in cui la concentrazione di ferro diminuisce drasticamente ei tessuti diventano grumosi. Di dimensioni ridotte, la ghiandola atrofica con significativa compattazione pesa 18-20 g. La capsula si fonde gradualmente con il tessuto adiposo circostante e gli organi adiacenti. Inizia la sclerosi intraacinosa e la subatrofia, mentre le cellule del parenchima ghiandolare muoiono.
  4. Lipomatosi, che è caratterizzata dalla sostituzione di cellule funzionali con cellule adipose inerti. La funzionalità degli isolotti di Langerhans è parzialmente preservata, così come la parte endocrina dell'organo, ma la sintesi del glucagone è interrotta.
  5. Le ultime fasi della pancreatite alcolica.
  6. Sviluppo di processi oncologici con compressione della neoplasia da parte della ghiandola compattata degli organi vicini e della mucosa stessa.
  7. Bloccare i condotti di deflusso con pietre.

Cause rare della malattia:

  • cirrosi dei tessuti epatici;
  • sclerodermia sistemica.
Torna al sommario

Sintomi

I sintomi che danno un quadro clinico completo sono determinati dalla fonte che ha provocato la malattia. Stiamo parlando di diabete mellito, pancreatite cronica. I primi sintomi di danno atrofico:

  1. Carenza esocrina o esocrina della ghiandola, a seguito della quale diminuisce la concentrazione di bicarbonati, enzimi digestivi, elettroliti. L'equilibrio della microflora gastrointestinale è disturbato, l'ambiente neutro nello stomaco cambia in uno più aggressivo, che fornisce una flora favorevole per il lavoro distruttivo delle particelle patogene. I segni principali sono: assottigliamento delle feci, diminuzione dell'appetito e del peso corporeo. Se la secrezione è diminuita del 10% rispetto alla norma, la quantità di grassi non digeriti nelle feci dei pazienti aumenta. Questo indica lo sviluppo della steatorrea. Una diminuzione del peso corporeo indica una violazione del processo di digestione, assorbimento dei componenti alimentari nell'intestino. Con una forma protratta di patologia, si sviluppa una carenza vitaminica persistente.
  2. La carenza endocrina o intrasecretoria è spiegata da disturbi del metabolismo dei carboidrati con segni di sindrome iperglicemica. I sintomi del diabete mellito accompagnano l'atrofia nella metà dei casi. In questo contesto, appare una carenza di insulina con glucagone. Il paziente avverte grave debolezza, vertigini, secchezza delle fauci con sete intensa.
Torna al sommario

Diagnostica

  1. Un esame visivo, in cui vengono valutate le condizioni della pelle e l'aspetto generale del paziente, viene determinato l'indice di massa corporea, vengono raccolti anamnesi e dati sull'ereditarietà. L'esame della pelle rivela secchezza e desquamazione. Se il pancreas è di dimensioni ridotte, la palpazione è difficile. Con l'infiammazione del pancreas, che è diventata fonte di atrofia, la palpazione dell'addome provoca dolore.
  2. Un esame del sangue, che rivela un parametro per abbassare gli enzimi pancreatici, anemia, alta concentrazione di glucosio.
  3. Coprogram consente di analizzare le feci per la presenza di grassi escreti. Nei risultati del coprogramma per la steatorrea, il parametro supera il 9% dell'assunzione giornaliera di grassi. Con la creatorrea, le fibre muscolari saranno presenti in eccesso nelle feci.
  4. Ultrasuoni, che rivela il grado di contrazione della ghiandola, l'indurimento dell'organo. L'ecografia viene eseguita al fine di stabilire segni di eco di cambiamenti atrofici nel pancreas, il grado di riduzione delle dimensioni, la densità della struttura, le irregolarità nel contorno.
  5. La biopsia fornisce dati sull'entità dell'atrofia, facilitando la previsione. Il metodo aiuta a valutare il grado di fibrosi e distruzione della parte parenchimale dell'organo e di altri elementi, ad esempio le isole di Langerhans. Con l'atrofia lipomatosa, si verifica la degenerazione grassa della ghiandola. Sulla base dei risultati della biopsia, si ottiene una prognosi di questa malattia..
  6. La risonanza magnetica consente di visualizzare un quadro più dettagliato della gravità e della distribuzione dei processi atrofici.
  7. RCPG o raggi X di contrasto rivelano le condizioni delle pareti, il grado di restringimento e tortuosità dei canali nel sistema duttale della ghiandola. L'angiografia esamina se ci sono neoplasie nel pancreas.

Quando compaiono i primi sintomi, si consiglia di chiedere immediatamente consiglio a un endocrinologo, chirurgo, gastroenterologo.

Trattamento

Quando si diagnostica una lesione atrofica del pancreas, al paziente viene principalmente assegnata una dieta. La dieta contiene una quantità minima di grassi, ma il menù è stato ampliato, reintegrando il deficit proteico-energetico, correggendo l'ipovitaminosi. Una vasta gamma di slot da gioco raccolte nel famoso casinò Vulcan con prelievo ti consente di guadagnare buone vincite. Questi club online presentano emozionanti slot machine con rendimenti elevati. Queste piattaforme di gioco d'azzardo offrono una varietà di modi per effettuare pagamenti in denaro, incluso il ritiro dei premi ricevuti sulla carta. Sicuramente, un paziente con atrofia deve smettere di fumare, altrimenti la nicotina interromperà la sintesi dei bicarbonati, il che porterà ad un aumento dell'acidità dell'ambiente nel duodeno.

Il secondo principio di trattamento di una ghiandola ridotta a causa dell'atrofia è l'uso di metodi di terapia sostitutiva volti a reintegrare le secrezioni esterne ed interne del pancreas. A tale scopo, al paziente viene prescritto un farmaco con enzimi che migliorano la digestione..

Per aumentare l'efficacia del trattamento farmacologico, si raccomandano agenti con un'elevata efficacia della lipasi per supportare la digestione in corsia, la resistenza al succo gastrico e il rilascio istantaneo di enzimi dall'intestino tenue. Esempi di farmaci: "Creonte", "Micrasim". Tale appuntamento è necessario a causa della rapida perdita di attività della lipasi dovuta allo sviluppo di un processo atrofico, aggravato da grave steatorrea..

Il trattamento sarà efficace se il livello di grasso nelle feci diminuisce e la concentrazione di elastasi aumenta. I preparati enzimatici alleviano il dolore, aiutano a normalizzare la microbiocenosi intestinale, migliorano il metabolismo dei carboidrati.

La terapia insulinica è necessaria per correggere la funzione endocrina. Nonostante la sicurezza degli isolotti di Langerhans, l'insulina sintetizzata nel corpo è insufficiente. Il trattamento, le dosi e la modalità di iniezione o infusione sono determinate dal medico in base alla gravità della malattia, in base a parametri eziologici, indicatori delle fluttuazioni giornaliere della glicemia. La procedura per la terapia insulinica viene selezionata in base alle dosi dei farmaci sostitutivi utilizzati e alla loro efficacia.

I probiotici con prebiotici sono prescritti per stabilizzare la microbiocenosi nell'intestino, dove una flora favorevole è già stata creata dagli enzimi..

Viene eseguita la terapia di iniezione vitaminica, durante la quale vengono introdotti nel corpo magnesio, zinco, rame. L'intervento chirurgico è raro, quindi il suo uso dipenderà completamente dalla gravità dell'atrofia, dal grado di danno alle aree delle isole. Dopo l'asportazione della ghiandola, viene prescritto un ciclo di enzimi artificiali.

Prevenzione

È difficile prevedere le conseguenze dello sviluppo di processi atrofici. Tutto dipende dal grado di danno alle zone secretorie esterne e interne dell'organo. A causa della parziale conservazione delle funzioni dell'apparato delle isole, l'insulina continua a essere prodotta con una mancanza di glucagone. Il rischio di sviluppare chetoacidosi in questo caso è minimo, ma si verifica l'ipoglicemia. Risultati efficaci si ottengono determinando l'eziologia della malattia, selezionando un modo per eliminarla.

Principali misure preventive:

  • trattamento tempestivo di disturbi cronici e persistenti che possono portare all'atrofia del pancreas;
  • smettere di fumare, alcol;
  • aderenza a una dieta;
  • mantenere il livello richiesto di attività enzimatica;
  • mantenere uno stile di vita attivo e sano.

La diagnosi precoce massimizza l'effetto del trattamento.

Il pancreas è diminuito di dimensioni

Una diminuzione del pancreas si osserva meno spesso di un aumento. Tuttavia, la condizione patologica non è meno pericolosa. È accompagnato da una compromissione funzionale, in cui la produzione di enzimi digestivi, insulina e glucagone è compromessa. L'inizio tempestivo del trattamento aiuta a fermare lo sviluppo di cambiamenti patologici e normalizzare le condizioni del paziente.

Una diminuzione del pancreas è accompagnata da un fallimento funzionale, in cui la produzione di enzimi digestivi, insulina e glucagone è compromessa.

Caratteristiche e cause dello sviluppo della patologia

Con una pronunciata diminuzione delle dimensioni della ghiandola, viene rilevato un danno sia completo che parziale ai tessuti dell'organo. L'atrofia della testa, del corpo o della coda porta ad una diminuzione del volume e all'ispessimento del pancreas. L'inizio del processo patologico è caratterizzato dalla proliferazione delle fibre del tessuto connettivo. Comprimono i lobi della ghiandola, provocando la sclerosi. I seguenti fattori contribuiscono al verificarsi di cambiamenti atrofici:

  1. La vecchiaia del paziente. Dopo 70 anni, c'è un cambiamento fisiologico nella struttura dei tessuti degli organi.
  2. Grave corso di pancreatite cronica. Le cellule ghiandolari vengono sostituite da cellule fibrose, che è accompagnata da una disfunzione dell'organo.
  3. Forme scompensate di diabete mellito. Sono accompagnati da un forte calo del livello di ferro nel sangue e da un ridotto afflusso di sangue a tutti gli organi e tessuti. In questo caso, l'atrofia pancreatica ha un carattere pronunciato. Invece dei normali 90 g, l'organo pesa non più di 15 g. La ghiandola è saldata ai tessuti circostanti, che è accompagnata dalla disintegrazione di parte del parenchima.
  4. Lipomatosi pancreatica. Le cellule attive dell'organo vengono sostituite da cellule adipose inerti. Si sviluppa un'insufficienza endocrina, in cui la produzione di glucagone diminuisce drasticamente.
  5. Stadi terminali della pancreatite alcolica.
  6. Tumori della testa pancreatica, che schiacciano il resto dell'organo.
  7. Bloccare i dotti pancreatici con pietre.

Sintomi

Il quadro clinico dell'atrofia pancreatica include:

  1. Segni di problemi digestivi. Indipendentemente dalla causa dei cambiamenti patologici, la produzione di enzimi pancreatici diminuisce. L'assorbimento dei nutrienti è compromesso, compare la diarrea.
  2. Dolore nella parte superiore dell'addome. Rafforzato dall'uso di cibi grassi e fritti. Stanno tagliando o avendo crampi.
  3. Cambiamenti nella natura delle feci. Si osserva con una pronunciata diminuzione delle dimensioni del pancreas. L'alto contenuto di grassi rende le feci appiccicose e lucenti.
  4. Rapida perdita di peso. Associato alla cessazione dell'assunzione di sostanze nutritive nel corpo.
  5. Perdita di appetito. A causa della mancanza di vitamine e minerali nel corpo.
  6. Nausea con conseguente vomito. Le convulsioni si verificano nel decorso acuto delle malattie del pancreas. La pulizia dello stomaco non porta sollievo al paziente.
  7. Sindrome iperglicemica. Include aumento della minzione, secchezza delle fauci, sete persistente, debolezza generale e vertigini.

Diagnostica

Le seguenti procedure vengono utilizzate per identificare le cause di una diminuzione del pancreas:

  1. Esame e interrogatorio del paziente. Aiuta a identificare il deterioramento della condizione della pelle caratteristica dei problemi al pancreas. L'anamnesi e l'analisi dei dati ereditari aiutano a determinare le possibili cause della malattia. Se il dolore acuto si manifesta alla palpazione dell'addome superiore, stiamo parlando di pancreatite o necrosi pancreatica.
  2. Chimica del sangue. Destinato a determinare il livello di enzimi, glucosio ed emoglobina.
  3. Esame delle feci. Aiuta a determinare la quantità di grasso nelle feci del paziente.
  4. Ultrasuoni della cavità addominale. Consente di determinare con precisione le dimensioni del pancreas, identificare tumori e aree di maggiore densità. L'atrofia contribuisce ai cambiamenti nei contorni del pancreas, che possono essere rilevati mediante ultrasuoni.
  5. MRI. Utilizzato per sospette neoplasie maligne della ghiandola e degli organi circostanti.
  6. Retropancreatocolangiografia. Destinato a valutare lo stato dei dotti pancreatici e biliari, identificando calcoli e neoplasie.

Biopsia

Questo metodo di ricerca ha lo scopo di determinare la prevalenza dell'atrofia, il grado di danno tissutale. Questo metodo viene utilizzato anche per determinare la natura delle neoplasie pancreatiche. I risultati della procedura aiutano a elaborare uno schema terapeutico e una prognosi per il recupero..

La biopsia ha lo scopo di determinare la prevalenza dell'atrofia, il grado di danno tissutale.

Metodi di trattamento

Per il trattamento dell'atrofia pancreatica, utilizzare:

  1. Preparati enzimatici (Creonte, pancreatina). Ripristina la carenza di enzimi pancreatici, ripristina l'assorbimento dei nutrienti nell'intestino. Le compresse vanno assunte ad ogni pasto, non interrompono il lavoro della ghiandola. Dopo la fine della terapia, la funzione degli organi viene completamente ripristinata.
  2. Antispastici (Papaverine, No-shpa). Elimina la sindrome del dolore grave causata dallo spasmo dei dotti della ghiandola. Molto spesso utilizzato per iniezione.
  3. Insulina. Prescritto per il diabete. Il medico seleziona il dosaggio e la frequenza di somministrazione, aiutando a normalizzare i processi di degradazione del glucosio.
  4. Farmaci disintossicanti (Hemodez N). La soluzione viene somministrata per via endovenosa in ambiente ospedaliero. Il prodotto rimuove le tossine, mantiene l'equilibrio sale-acqua, previene la disidratazione.
  5. Probiotici (Bifiform). Sono usati sia a casa che in condizioni stazionarie. Normalizza la microflora intestinale, migliora l'assorbimento dei nutrienti.

Gli interventi chirurgici sono indicati per il decadimento del tessuto pancreatico e dei tumori. Dopo l'operazione, viene eseguita la terapia enzimatica sostitutiva.

Dieta

La dieta del paziente dovrà essere completamente cambiata, ma ci sono ricette per prodotti dietetici che aiutano a diversificare il menu. Sono ammessi al consumo i seguenti prodotti:

  • zuppe di verdure e purè di patate;
  • carne e pesce magri;
  • gelatina, gelatina;
  • biscotti biscottati;
  • porridge di grano saraceno, farina d'avena e riso;
  • omelette al vapore;
  • latticini a basso contenuto di grassi.

Complicazioni e prognosi

Con l'atrofia del pancreas, si verificano le seguenti complicazioni:

  • ittero ostruttivo causato da una violazione del deflusso della bile;
  • danno a grandi vasi, accompagnato da sanguinamento;
  • infezione della parete addominale;
  • la formazione di fistole e cisti;
  • forme gravi di diabete mellito;
  • malattie oncologiche del pancreas.

La prognosi dipende dal motivo della diminuzione della ghiandola. Con l'inizio tempestivo del trattamento per pancreatite, fibrosi e lipomatosi, le possibilità di guarigione sono piuttosto alte. Se l'atrofia è causata da un tumore maligno, la prognosi è infausta. Più della metà dei pazienti muore nei primi 2 anni dopo la diagnosi.

L'atrofia pancreatica è una diminuzione del volume di un organo, manifestata dall'insufficienza delle funzioni esocrine (produzione di enzimi digestivi, bicarbonato) e intrasecretorie (sintesi di insulina, glucagone). Le cause più comuni di patologia sono la pancreatite cronica, il diabete mellito, le malattie somatiche con grave esaurimento, nonché la cirrosi epatica, l'apporto sanguigno alterato e la compressione del tumore. La diagnosi si basa su dati di laboratorio che rivelano carenza enzimatica e bassi livelli di insulina, ecografia del pancreas, risultati della biopsia. Il trattamento consiste nella prescrizione di una terapia sostitutiva: preparati enzimatici, insulina; ripristino della flora intestinale; correggere le carenze nutrizionali.

Informazione Generale

L'atrofia pancreatica è una condizione caratterizzata da una diminuzione delle dimensioni di un organo, un ispessimento della sua struttura e funzioni insufficienti. Questo processo può svilupparsi a seguito di cambiamenti fisiologici legati all'età, nonché malattie accompagnate da danni al parenchima, compressione, alterato afflusso di sangue, con malattie debilitanti prolungate. In questo caso, il peso della ghiandola, che normalmente è di circa 80-90 g, diminuisce a 30-40 e al di sotto.

Atrofia pancreatica

Le ragioni

L'atrofia pancreatica può essere fisiologica, sviluppandosi come risultato dei naturali processi di invecchiamento del corpo. Accompagna gravi malattie debilitanti (forma cachettica). Inoltre, l'atrofia è il risultato di tutte le forme di pancreatite cronica, mentre una parte significativa dello stroma è sostituita da tessuto fibroso, che è accompagnato dalla progressione dell'insufficienza endocrina ed esocrina.

Un tipo particolare di atrofia è la lipomatosi, in cui la maggior parte del parenchima degli organi è sostituita dal tessuto adiposo. Un posto separato è occupato dall'atrofia del pancreas nel diabete mellito. I casi più rari della malattia in gastroenterologia includono atrofia della ghiandola con cirrosi epatica, sclerodermia sistemica, compressione del tumore, blocco dei dotti escretori con calcoli.

Patologia

Questa patologia è accompagnata da una significativa diminuzione delle dimensioni della ghiandola - fino a 20-18 g, la consistenza è notevolmente compattata, la superficie dell'organo è tuberosa, la capsula è fusa con il tessuto adiposo circostante e con gli organi vicini. La struttura del pancreas cambia, caratterizzata da un eccessivo sviluppo del tessuto connettivo, che può proliferare attorno ai lobuli (sclerosi perilobulare) o diffusamente (sclerosi intralobulare). A livello microscopico, la lesione è caratterizzata da proliferazione diffusa di tessuto fibroso (sclerosi intraacinosa), morte delle cellule del parenchima ghiandolare.

Nella lipomatosi, nonostante questa condizione sia caratterizzata dalla conservazione o addirittura dall'aumento delle dimensioni dell'organo (pseudoipertrofia), la maggior parte di essa è sostituita dal tessuto adiposo, in cui sono presenti aree ghiandolari separate. Secondo le osservazioni degli specialisti nel campo della gastroenterologia clinica e dell'endocrinologia, nella maggior parte dei casi con questa patologia, rimangono l'apparato delle isole e la funzione endocrina dell'organo.

Sintomi di atrofia

Il quadro clinico dell'atrofia pancreatica è determinato dalla causa del suo sviluppo (diabete mellito, pancreatite cronica e altri). Tuttavia, in ogni caso, i sintomi caratteristici sono l'insufficienza esocrina ed endocrina. L'insufficienza esocrina (esocrina) della ghiandola è caratterizzata da una ridotta produzione di enzimi digestivi, così come bicarbonati e altri elettroliti che neutralizzano il contenuto dello stomaco, fornendo un ambiente favorevole all'azione degli enzimi pancreatici. Feci molli, scarso appetito, perdita di peso sono sintomi tipici..

Un sintomo precoce di una funzione esocrina insufficiente è la steatorrea (aumento dell'escrezione di grassi nelle feci). Questo sintomo si sviluppa con una diminuzione della secrezione del 10% della norma. La perdita di peso si verifica a causa di una ridotta digestione del cibo, assorbimento di sostanze nell'intestino, perdita di appetito. Con una patologia a lungo termine, si sviluppano segni di carenza vitaminica.

L'insufficienza endocrina (intrasecretoria) si manifesta con disturbi del metabolismo dei carboidrati, procedendo come una sindrome iperglicemica. Allo stesso tempo, i sintomi del diabete mellito si sviluppano solo nella metà dei pazienti. Ciò è dovuto al fatto che le cellule produttrici di insulina hanno la capacità di sopravvivere meglio in patologia rispetto alle cellule acinose. Carenza di insulina, si sviluppa il glucagone. Il paziente può essere disturbato da grave debolezza, vertigini, sete.

Diagnostica

Quando si esamina un paziente con atrofia pancreatica, viene determinata la carenza di peso corporeo. La pelle è secca, squamosa. Con una diminuzione delle dimensioni della ghiandola, non è possibile palparla. Se la causa della condizione è la pancreatite, si può avvertire dolore durante la palpazione. L'algoritmo diagnostico include:

  • Analisi. Quando si eseguono esami del sangue biochimici, viene determinata una diminuzione dell'attività degli enzimi pancreatici. I sintomi tipici sono la steatorrea (rilevamento nelle feci di oltre il 9% dell'assunzione giornaliera di grassi) e la creatorrea (alto contenuto di fibre muscolari nelle feci) rilevata durante il coprogramma. Spesso viene diagnosticato un aumento dei livelli di glucosio nel sangue, motivo per consultare un endocrinologo o un diabetologo.
  • Tecniche di produzione di immagini. Con l'ecografia del pancreas si determinano una diminuzione delle sue dimensioni, un ispessimento della struttura, un aumento dell'ecogenicità e contorni irregolari. Per una visualizzazione più dettagliata dell'organo, per scoprire la causa dell'atrofia, viene eseguita una risonanza magnetica del pancreas. Per valutare lo stato del sistema dei dotti, i cui cambiamenti sono caratteristici della pancreatite cronica, è indicato RCP: colangiopancreatografia retrograda endoscopica (esame a raggi X con contrasto). Con il suo aiuto, è possibile identificare il restringimento del dotto pancreatico principale, pareti irregolari, tortuosità. Per escludere le neoplasie del pancreas, viene eseguita l'angiografia.
  • Biopsia. La biopsia pancreatica è un importante metodo diagnostico. Quando si studia una biopsia, vengono valutati il ​​grado di fibrosi e distruzione del parenchima, il grado di danno agli elementi ghiandolari, le isole di Langerhans (zone produttrici di insulina). Nel caso della lipomatosi si riscontra la degenerazione grassa dell'organo. Una biopsia consente di valutare la prognosi della malattia.

CT OBP. Grave assottigliamento diffuso del pancreas, cambiamenti nella sua struttura.

Trattamento dell'atrofia pancreatica

Attività conservatrici

Con l'atrofia del pancreas, la terapia dietetica è necessariamente prescritta. I pasti dovrebbero essere a basso contenuto di grassi. Abbastanza attenzione dovrebbe essere prestata alla carenza di proteine-energia, correzione dell'ipovitaminosi. Una misura obbligatoria è la completa cessazione del fumo, poiché la nicotina interrompe la produzione di bicarbonati da parte del pancreas, a seguito della quale l'acidità del contenuto del duodeno aumenta in modo significativo.

La direzione principale della terapia per questa patologia è la sostituzione della secrezione esocrina ed endocrina del pancreas. Per compensare i processi disturbati della digestione addominale, il gastroenterologo prescrive preparati enzimatici. Per ottenere un effetto clinico, i farmaci devono avere un'elevata attività lipasica, essere resistenti all'azione del succo gastrico, garantire il rapido rilascio di enzimi nell'intestino tenue e promuovere attivamente la digestione della cavità. Gli enzimi sotto forma di microgranuli soddisfano questi requisiti.

Poiché è la lipasi di tutti gli enzimi del pancreas che perde la sua attività più rapidamente, la correzione viene effettuata tenendo conto della sua concentrazione nella preparazione e della gravità della steatorrea. L'efficacia del trattamento è valutata dal contenuto di elastasi nelle feci e dal grado di riduzione della steatorrea. L'azione dei preparati enzimatici è inoltre finalizzata all'eliminazione della sindrome del dolore, alla riduzione dell'enterite secondaria, alla creazione delle condizioni per la normalizzazione della microbiocenosi intestinale, al miglioramento del metabolismo dei carboidrati.

La correzione dell'insufficienza endocrina è effettuata dalla terapia insulinica. Con l'atrofia del pancreas, le isole di Langerhans sono parzialmente conservate, quindi l'insulina viene prodotta nel corpo, ma in piccole quantità. Il dosaggio e il regime di somministrazione dell'insulina sono determinati individualmente, a seconda del decorso della patologia, del fattore eziologico, dei dati del monitoraggio giornaliero della glicemia. La nomina di preparati enzimatici migliora significativamente la funzione del pancreas nel suo complesso e anche il metabolismo dei carboidrati. Pertanto, il regime di terapia insulinica è determinato in base al dosaggio e all'efficacia della terapia enzimatica sostitutiva..

Una condizione importante per una correzione efficace delle funzioni digestive è la normalizzazione della microbiocenosi intestinale, poiché sullo sfondo dell'assunzione di enzimi si creano condizioni favorevoli per la colonizzazione della flora patogena. Vengono utilizzati probiotici, prebiotici. La terapia vitaminica è prescritta per iniezione, così come i preparati di magnesio, zinco, rame.

Chirurgia

Il trattamento chirurgico di questa patologia viene effettuato in centri specializzati. Viene eseguito il trapianto delle isole di Langerhans, seguito dalla rimozione della ghiandola e dalla terapia enzimatica sostitutiva. Tuttavia, poiché l'atrofia è spesso una conseguenza di gravi malattie con una marcata violazione delle condizioni generali del paziente, tale trattamento viene eseguito raramente..

Previsione e prevenzione

La prognosi per l'atrofia del pancreas è determinata dal grado di danno alle strutture esocrine ed endocrine dell'organo. Poiché l'apparato dell'isolotto è parzialmente conservato, c'è anche la sintesi di insulina residua. In considerazione di ciò, la chetoacidosi si sviluppa raramente, ma spesso si verificano condizioni ipoglicemiche. La determinazione dell'eziologia della malattia, l'eliminazione della patologia sottostante, l'inizio tempestivo del trattamento possono ottenere buoni risultati.

La prevenzione consiste nel trattamento tempestivo delle malattie che possono causare atrofia del pancreas. In presenza di pancreatite cronica, sono necessari un rifiuto completo dell'alcol, l'aderenza a una dieta e il mantenimento di un livello sufficiente di attività enzimatica della ghiandola.

Il pancreas di solito si restringe negli anziani, ma questo fatto non ha alcun significato clinico. Con l'atrofia totale del pancreas, si verifica una diminuzione delle dimensioni in tutte le parti del pancreas. Se compare un'atrofia isolata della coda pancreatica (la testa appare normale), si deve sospettare un tumore alla testa del pancreas. La testa deve essere esaminata con particolare attenzione, poiché la pancreatite cronica nel corpo e nella regione della coda può essere combinata con un tumore a crescita lenta del pancreas.

Se il pancreas è piccolo, non uniformemente iperecogeno ed eterogeneo rispetto al fegato, la causa più probabile è la pancreatite cronica..

Allargamento diffuso del pancreas

Nella pancreatite acuta, il pancreas può essere diffusamente ingrandito o può essere di dimensioni normali e ipoecogeno rispetto al fegato adiacente. L'amilasi sierica è solitamente elevata e può essere presente un'ostruzione intestinale locale a causa dell'irritazione intestinale.

Se il pancreas è irregolarmente iperecogeno e diffusamente ingrandito, ciò è dovuto alla pancreatite acuta sullo sfondo della pancreatite cronica esistente.

Aumento locale (non cistico)

Quasi tutti i tumori pancreatici sono ipoecogeni rispetto al pancreas normale. È impossibile distinguere tra pancreatite focale e tumore pancreatico solo mediante ultrasuoni. Anche in caso di aumento dei livelli sierici di amilasi, è necessario ripetere l'esame ecografico dopo 2 settimane per determinarne la dinamica. Il tumore e la pancreatite possono essere combinati. Quando è presente una struttura eco mista, è necessaria la biopsia.

L'esame ecografico non può differenziare la pancreatite focale dal tumore pancreatico.

Cisti pancreatiche

Le vere cisti pancreatiche sono rare. Di solito sono solitari, anecoici, con contorni lisci, pieni di liquido. Più piccole cisti possono essere congenite. Gli ascessi o gli ematomi pancreatici saranno di ecogenicità mista e sono spesso associati a pancreatite grave.

Le pseudocisti derivanti da traumi o pancreatite acuta sono comuni; possono crescere di dimensioni e rompersi. Tali cisti possono essere singole o multiple. Nelle prime fasi, hanno una struttura dell'eco complessa con riflessi interni e contorni indistinti, ma nella dinamica queste cisti acquisiscono pareti uniformi, diventano anecoiche e conducono bene gli ultrasuoni. Le pseudocisti pancreatiche possono essere trovate in qualsiasi parte dell'addome o del bacino, allontanandosi dal pancreas. Quando le cisti vengono infettate o danneggiate, possono essere identificate strutture eco interne o setti.

I cistoadenomi pancreatici o altri tumori cistici di solito compaiono agli ultrasuoni come escrescenze cistiche settali multiple con una componente solida associata. Nella microcistoadenomatosi, le cisti sono molto piccole e mal visualizzate.

Le cisti parassitarie sono rare nel pancreas. Eseguire l'ecografia del fegato e del resto dell'addome per escludere malattie parassitarie.

Come ripristinare e rafforzare il pancreas: metodi di guarigione?

Per capire come riparare il pancreas, è necessario comprendere i meccanismi che portano al suo danno. Questo corpo ha 2 funzioni principali. Il tessuto ghiandolare produce enzimi necessari per la digestione. E nelle cellule beta viene sintetizzata l'insulina (questo è un ormone necessario per l'assorbimento del glucosio da parte dei tessuti). La capacità di normalizzare queste funzioni non è la stessa. È anche molto importante quanto il tessuto della ghiandola è danneggiato e qual è il principale fattore che ha causato la malattia.

Il pancreas può ripararsi da solo??

Il pancreas si trova nella parte superiore dell'addome, leggermente sotto lo stomaco. La sua testa è girata a destra, verso il fegato, e la sua coda è a sinistra. Il dotto pancreatico passa attraverso l'intera ghiandola, attraverso la quale il succo digestivo viene rilasciato nel lume del duodeno.

Le cellule del pancreas, responsabili della produzione di enzimi e ormoni, sono altamente differenziate. Vengono deposte nel bambino in utero e, nel momento in cui si forma la ghiandola, perdono la capacità di dividersi. Pertanto, la loro perdita a causa della morte è irreversibile..

Ma le cellule durante la malattia potrebbero non morire, ma essere danneggiate. Se l'azione del fattore dannoso è cessata, i processi di rigenerazione iniziano a livello cellulare. E nonostante non avvenga la sostituzione dei pancreatociti morti, i restanti possono ricominciare a lavorare "a pieno regime". Pertanto, è del tutto vero che il pancreas è in grado di auto-guarigione..

La normalizzazione del pancreas avverrà rapidamente o lentamente, a seconda dello stato del corpo, nonché dell'umore del paziente stesso. Il recupero può essere aiutato seguendo la dieta e altri consigli medici. A volte, se un gran numero di cellule è morto, è impossibile ripristinare completamente il funzionamento dell'organo e si sviluppa una carenza enzimatica o di insulina, che richiede una terapia di mantenimento per tutta la vita.

Recupero dalla pancreatite

Il recupero del pancreas dopo la pancreatite è possibile se la malattia viene diagnosticata nelle prime fasi. Questa malattia è causata dall'infiammazione dovuta alla penetrazione di microrganismi dall'intestino nel dotto della ghiandola. E anche la causa potrebbe essere i parassiti della lamblia.

A volte la pancreatite si sviluppa a causa della colecistite. Il dotto escretore del pancreas si apre nel lume dell'intestino attraverso la stessa apertura del dotto biliare. Pertanto, con l'infiammazione della cistifellea, i microbi possono diffondersi al pancreas..

La pancreatite è acuta o cronica. Sono di natura abbastanza diversa. Pertanto, le raccomandazioni per normalizzare il lavoro del pancreas nella pancreatite acuta e cronica differiscono. Ma in entrambi i casi, non dovresti contare su un effetto rapido.

Come ripristinare il lavoro del pancreas nella pancreatite acuta?

Questa malattia di solito si sviluppa improvvisamente, è difficile e deve essere trattata nel reparto chirurgico. Il paziente sviluppa un forte dolore nell'ipocondrio sinistro, nausea, vomito, gonfiore, febbre.

Il motivo potrebbe essere l'assunzione di una grande quantità di cibo "pesante": fritto, grasso, piccante, acido. A volte la pancreatite acuta si sviluppa a seguito di lesioni da alcol. Una delle forme più gravi di pancreatite acuta - pancreatonecrosi, il più delle volte si sviluppa sullo sfondo del bere molto.

I propri enzimi giocano un ruolo importante nel meccanismo di sviluppo della pancreatite acuta. Il cibo o l'alcol, agendo in modo irritante, aumenta la secrezione di succo pancreatico ad alta viscosità. Se il suo deflusso è difficile a causa di spasmi o aumento della pressione nel duodeno, ristagna all'interno della ghiandola stessa, innescando il processo di "autodigestione" dei tessuti.

Questa condizione è molto grave. Per far uscire il paziente da esso, nel periodo iniziale, è necessario un rifiuto completo del cibo per diversi giorni. È consentita una piccola quantità di acqua calda. Ciò è necessario affinché la ghiandola interrompa temporaneamente la produzione di succo pancreatico. Allo stesso scopo, vengono prescritti farmaci speciali dai gruppi di anticolinergici M, antispastici, bloccanti enzimatici. Se una parte del pancreas viene distrutta, a volte è necessario eseguire una resezione (rimozione di una parte) del pancreas per rimuovere le aree necrotiche.

Con un decorso riuscito di pancreatite acuta, la dieta del paziente si espande gradualmente, prima a causa della dieta più delicata. Quindi il paziente viene gradualmente trasferito al tavolo comune. Affinché il recupero dalla pancreatite acuta abbia successo, è necessario mangiare in modo frazionato e in piccole porzioni. Aiuta il pancreas - stimola la normale produzione di succo pancreatico e previene il ristagno.

C'è un'altra forma di pancreatite acuta - farmaco. Può svilupparsi durante l'assunzione di antibiotici, diuretici, pillole per la pressione sanguigna del gruppo ACE inibitori e alcuni altri farmaci. Le manifestazioni cliniche sono simili a quelle della pancreatite comune. Ma per il recupero, è necessario, tra le altre misure, annullare il farmaco, il cui uso ha causato la malattia. A volte la pancreatite medicinale si presenta sotto forma di cronica.

Il pancreas si riprende nella pancreatite cronica??

La pancreatite cronica è più mite, ma le sue conseguenze non sono più facili. Ciò è dovuto al fatto che può manifestarsi a lungo con sintomi minimi (eruttazione, pesantezza nell'addome, aerosol - accumulo di gas nell'intestino). L'infiammazione esistente ha un effetto distruttivo sul tessuto ghiandolare.

A volte con la malattia ci sono esacerbazioni che si verificano sotto forma di un attacco di forte dolore con nausea, vomito. Questi attacchi assomigliano alla pancreatite acuta, ma non sono accompagnati da un massiccio rilascio di enzimi nel tessuto ghiandolare..

Il meccanismo di sviluppo della pancreatite acuta è simile alla pancreatite cronica, ma i fattori dannosi agiscono più deboli e per un tempo più lungo. Pertanto, quando compaiono i sintomi, vengono spesso rilevati cambiamenti pronunciati nel pancreas di natura diffusa. Per parlare seriamente di guarigione nella pancreatite cronica, è necessario conoscere le principali cause della malattia:

  • Nutrizione impropria. L'eccessivo utilizzo di grassi, spezie, spezie e prodotti con effetto irritante porta alla produzione di una secrezione viscosa che intasa i condotti.
  • Fumo - oltre ad essere irritante, può causare spasmi delle cellule muscolari lisce nelle pareti dei dotti escretori.
  • Colecistite cronica - a causa dell'ingresso di bile infetta nel dotto pancreatico.
  • Stress e disturbi funzionali. Interrompendo la motilità del tratto digestivo, possono portare a difficoltà nel deflusso del succo pancreatico.
  • Abuso cronico di alcol.

    L'eliminazione di questi fattori creerà le condizioni per il ripristino del pancreas. Quanto prima viene identificato il problema, tanto migliore sarà la ripresa. È importante il completo rifiuto delle cattive abitudini, così come qualsiasi eccesso di cibo. Alcuni alimenti dovrebbero essere completamente eliminati dalla dieta. Per i disturbi funzionali, a volte vengono prescritti farmaci speciali (Iberogast, Trimedat, Duspatalin, No-Shpa).

    Esistono forme di pancreatite che sono praticamente irrecuperabili. Questa è una pancreatite autoimmune ed ereditaria, che si sviluppa sullo sfondo della fibrosi cistica. Ma anche con queste forme, è necessaria l'osservanza delle raccomandazioni dietetiche e di altro medico in modo che il paziente possa vivere una vita normale il più a lungo possibile..

    Come ripristinare il pancreas in caso di disfunzione endocrina?

    Quando le cellule beta muoiono, la sintesi dell'insulina, l'ormone responsabile dell'assorbimento del glucosio da parte delle cellule, diminuisce. Di conseguenza, si accumula nel sangue, provocando un effetto distruttivo sugli organi. Il glucosio in eccesso viene escreto nelle urine e cellule e tessuti soffrono di fame di energia.

    Questa malattia è chiamata diabete mellito. È eterogeneo per natura - ce ne sono diversi tipi. Il più comune:

  • Il primo tipo, insulino-dipendente, si sviluppa a seguito di danni autoimmuni alle cellule. Di solito si sviluppa in giovane età, le cellule muoiono irrevocabilmente. I pazienti iniziano quasi immediatamente a necessitare di una terapia ormonale: iniezioni di insulina.
  • Il secondo tipo. Di solito si sviluppa in età adulta, più spesso sullo sfondo dell'obesità. Con questo tipo di cellule beta non muoiono immediatamente e non perdono la capacità di produrre insulina. Ma manca a causa della ridotta sensibilità dei recettori dell'insulina nei tessuti, oltre che per l'eccesso di glucosio consumato. I farmaci che riducono lo zucchero possono indurre le cellule beta a sintetizzare più ormoni per un po 'e il livello di zucchero scende. Ma presto si esauriscono, soprattutto se i pazienti non seguono correttamente la dieta e altre raccomandazioni del medico. Anche questi pazienti, nel tempo, iniziano ad aver bisogno di insulina..

    Se le cellule non sono morte e il diabete si è sviluppato sullo sfondo dell'obesità, di un eccesso di carboidrati facilmente digeribili nella dieta oa causa della resistenza all'insulina, allora dieta, esercizio fisico e perdita di peso possono aumentare la sensibilità dei recettori all'insulina. È impossibile aumentare il numero di cellule beta secernenti. Almeno, non esiste un rimedio del genere nell'arsenale della medicina ufficiale, altrimenti non rimarrebbe un solo diabetico al mondo. Puoi migliorare leggermente la funzione di queste cellule normalizzando il livello di glucosio nel sangue, poiché il suo eccesso è tossico.

    Nella medicina alternativa, l'Ayurveda offre sistemi curativi che aiutano a ridurre i livelli di zucchero nel sangue. Ma riguardano anche principalmente i pazienti con diabete di tipo 2.

    Recupero della ghiandola dopo l'alcol

    La lesione alcolica del pancreas può essere in diverse forme: pancreatite cronica o acuta e necrosi pancreatica. Pertanto, è necessario ripristinare il pancreas a seconda della natura della sua lesione..

    Ma un prerequisito dovrebbe essere il completo rifiuto dell'alcol, in qualsiasi dose, anche minima. È inutile curare una malattia senza eliminarne la causa. Quanto tempo richiederà questo processo dipende dalla profondità della lesione. Se una parte significativa delle cellule muore a causa di lesioni alcoliche, la carenza enzimatica può rimanere per tutta la vita..

    Come ripristinare la ghiandola dopo l'intervento chirurgico?

    Un'operazione al pancreas può essere eseguita per un tumore maligno o benigno, per traumi addominali con danno d'organo, nonché per necrosi pancreatica. Qualsiasi operazione alla ghiandola è molto traumatica. La situazione può essere aggravata dal fatto che il paziente riceve la chemioterapia preoperatoria o soffre di alcolismo e quindi il corpo è esausto. Il periodo di riabilitazione è suddiviso in diversi sottoperiodi:

  • Presto postoperatorio - procede in un ospedale. Al paziente viene prescritto riposo a letto e fame. Dopo alcuni giorni, il paziente può essere attivato: può sedersi, eseguire esercizi speciali, alzarsi. È prescritta una dieta - tabella 0 o 1 secondo Pevzner (a seconda della gravità della condizione).
  • Tardo postoperatorio - dalla dimissione a 3 mesi. La dieta si espande a 5 p tavoli. Durante questo periodo, è possibile indirizzare il paziente per ulteriori cure a un sanatorio o altra istituzione medica e sanitaria..

    Un ritorno a uno stile di vita normale è possibile in circa sei mesi, ma le raccomandazioni su una corretta alimentazione e uno stile di vita, così come l'astinenza dall'alcol, devono essere osservate per tutta la vita.

    Rimedi popolari per ripristinare il pancreas

    L'uso di metodi popolari per le malattie del pancreas contemporaneamente ai mezzi della medicina ufficiale può accelerare il processo di recupero, rafforzare le difese del corpo. Va ricordato che le erbe nel loro effetto a volte sono uguali in forza ai farmaci, quindi è obbligatoria l'aderenza al dosaggio, al regime, tenendo conto delle indicazioni e delle controindicazioni.

    È necessario acquistare erbe in farmacie o negozi di salute specializzati. Salvo diversa indicazione del medico, durante l'uso devono essere seguite le istruzioni riportate sulla confezione..

    Da rimedi popolari conosciuti e ben collaudati: tè ivan, radice di prezzemolo, elecampane, erba della borsa del pastore, radice di marshmallow, calamo, cinquefoil e molti altri. Esistono anche mezzi meno tradizionali: ingestione di succo di patate appena spremuto o infuso di mummia Altai.

    Dieta e dieta per ripristinare il pancreas

    Per ripristinare il pancreas, vengono prescritte varie diete, a seconda della gravità e della durata della malattia. Ma è sempre necessario osservare il principio di razionalità e valore nutritivo. La dieta dovrebbe contenere proteine, grassi, carboidrati, una quantità sufficiente di vitamine e minerali. Dovrebbe aiutare a rafforzare il sistema immunitario.

    Nel periodo acuto, come già accennato, l'ospedale utilizza una dieta di 0 o 1 tabella secondo Pevzner. Questo è liquido (tabella 0) o il cibo più frullato (tabella 1). Di solito non è necessario cucinarlo a casa. A casa, i pazienti devono attenersi alle raccomandazioni corrispondenti alla tabella 5p. Elenco dei prodotti approvati:

    • zuppe di frutta, latticini o vegetariane non tostate,
    • riso, semolino, porridge di grano saraceno in acqua, pasta,
    • carni magre e pesce,
    • dalle verdure: zucchine, cavolfiori e cavolo pechinese, carote, patate, barbabietole - bollite e schiacciate,
    • frutti e bacche dolci al forno,
    • pane bianco secco ("ieri"), biscotti azzimi e biscotti magri.

    Cibi fritti, affumicati, salati, spezie, carni grasse e pesce, brodi ricchi non sono raccomandati. Sono vietati i seguenti cereali: miglio, orzo perlato, mais e orzo. Ma dovresti anche rinunciare a legumi, pomodori e melanzane, lievito e pane di segale, frutta acida.

    La necessità di pulire il pancreas per ripristinare le funzioni

    Il concetto di "pulizia" dell'uno o dell'altro organo per il suo recupero è molto diffuso nella vita di tutti i giorni. La sua premessa è l'idea di malattia come conseguenza della "scoria" del corpo. "Per pulire dalle tossine" è diventato di moda.

    Questa visione è sia vera che no. Da un lato, la medicina non conosce così tanti esempi in cui si sarebbe scoperto che una persona aveva "scorie", beh, forse pietre. D'altra parte, se il concetto di pulizia è trattato come un ritorno a uno stile di vita sano, è del tutto possibile ottenere una salute migliore in caso di malattia..

    E anche con la pulizia puoi capire l'uso dei rimedi dell'arsenale della medicina tradizionale sotto forma di corsi di salute per la pancreatite cronica. Ci sono buone recensioni sull'assunzione di un infuso di foglie di alloro, succhi di verdura, grano saraceno immerso in acqua o kefir per diverse ore (la sera).

    Come ripristinare gli enzimi pancreatici?

    Se, a seguito del processo patologico, si è sviluppata un'insufficienza esocrina, il paziente sviluppa segni di indigestione: eruttazione, gonfiore, diarrea, perdita di peso. I preparati enzimatici possono aiutare in tali situazioni. Dovrebbero essere presi insieme al cibo, contengono enzimi necessari per la digestione. Compensano la mancanza dei propri succhi digestivi.

    Una delle droghe più famose è Creonte. Esistono analoghi e farmaci più economici con un effetto simile: Mezim, Pancreatin, Panzinorm. Ma quando si sceglie un farmaco, il prezzo non è la cosa principale. La cosa principale è l'efficacia dimostrata. E anche prestare attenzione alla quantità di ingrediente attivo in una compressa..

    Va ricordato che il ripristino del pancreas è possibile se, a seguito del processo patologico, la funzione delle cellule secernenti è compromessa, ma non sono morte. Quindi la dieta, il rifiuto delle cattive abitudini e un trattamento adeguato aiuteranno il recupero. Se si sviluppa una compromissione funzionale, possono essere necessari farmaci sostitutivi per tutta la vita..